interstazioni_circ.gif (2901 byte)

DA FONTE ACI
CIRCOLARE N. 453/P-DSD - 17/01/2003 - STA - ULTERIORI FUNZIONALITA' E INDICAZIONI ORGANIZZATIVE
.


ACI
AUTOMOBILE CLUB D'ITALIA
DIREZIONE CENTRALE SERVIZI DELEGATI (D.S.D)
Unità Gestione Servizi PRA

Messaggio circolare 453/P-DSD del 17.01.2003

OGGETTO:

Sportello Telematica dell'Automobilista.
Rilascio ulteriori funzionalità per gli Uffici Provinciali A.C.I.
Indicazioni di tipo organizzativo.

 

Si fa seguito al messaggio circolare n° 10374/P DSD ed alla lettera circolare n° 10375 del 13/12/2002 allo scopo di fornire informativa in ordine ad ulteriori funzioni - riservate agli Uffici Provinciali - recentemente rilasciate in esercizio, nonché per prendere in esame particolari casistiche, per le quali appare necessario fornire specifiche indicazioni di tipo organizzativo.

In relazione alla procedure applicative, ACI Informatica ha provveduto all'invio "on-line", in primo luogo agli Uffici "pilota" e, in via immediatamente successiva, ai restanti Uffici, di alcune nuove applicazioni e funzionalità aggiuntive, connesse alla procedura STC (Sportello Telematico "cooperante"), già rilasciata in esercizio presso gli Uffici Provinciali.

Nello specifico, si fa riferimento alle seguenti applicazioni modificate:

1. Applicazione di CONNESSIONE IN REMOTO ASPRA:

La nuova applicazione consente al personale dell’Ufficio Provinciale ("di riferimento"), purché dotato di badge di livello l, di connettersi – mediante le tradizionali procedure ASPRA - al sistema di elaborazione di altro Ufficio PRA ("di competenza") ed effettuare:

La procedura è del tutto simile a quella per l’esecuzione delle rettifiche d’ufficio di errori stampati su CdP di competenza di altre Provincie di cui è già stata data notizia tramite il citato messaggio circolare n° 10374/P del 13/12/02 e che, causa problemi tecnici di distribuzione del software, ha registrato un ritardo nel rilascio in esercizio che, ora, è avvenuto.

La restrizione all'accesso citato nel precedente capoverso – limitato anch’esso, al momento, solo al personale dotato di badge di livello 1 – è dovuta esclusivamente a motivazioni di carattere tecnico del tutto temporanee; si confida che già entro la fine del mese di febbraio p.v. la possibilità di accesso alla funzione di rettifica d'ufficio di errori stampati su CdP di competenza di altre province sarà estesa a tutti gli operatori PRA dotati di tesserino magnetico di livello 3.

2. Client PRA - "riacquisizione da sistema" in caso di annullamento

La nuova funzione, già rilasciata a tutti gli Uffici Provinciali, consente di ottimizzare la gestione di eventuali annullamenti di operazioni di STC da parte dello STA del PRA.

Per la spiegazione degli aspetti operativi ed organizzativi indotti dalle nuove funzioni sopra evidenziate applicabili solo per le formalità trattate con gli applicativi di STC - si rimanda, come di consueto, alle schede funzionali in allegato al presente messaggio circolare.

Si precisa che numerosi problemi tecnici nell'invio dei programmi da parte del Sistema Informativo hanno impedito o reso difficile l’utilizzo di alcune procedure/funzioni di cui è stata data notizia con il citato messaggio circolare n° 10374; in particolare, si fa riferimento a:

a) procedura per la consultazione delle attività conseguenti all’incasso di formalità STC (cd. "'consultazione protocolli STC");

b) modulo Gestione Punti di Servizio.

Poiché finalmente i problemi di distribuzione sono stati superati le suddette procedure sono disponibili presso gli Uffici Provinciali e, quindi, si richiama l'attenzione sulla necessità di utilizzarle in quanto fondamentali strumenti di monitoraggio per la corretta gestione delle formalità STC.

Inoltre, si conferma che il D.T.T., ha inibito la possibilità per gli Uffici Provinciali A.C.I. di contattare i sistemi centrali Motorizzione mediante sw di emulazione terminale G-Link.

Pertanto, l'Ufficio Provinciale dovrà utilizzare,per l’aggiornamento dell'archivio MCTC, unicamente l'applicativo STC (dominio A.C.I.).

Allo stesso modo, a partire dal giorno 16 dicembre u.s., non risulta più attivo presso gli Uffici Provinciali MCTC l'applicativo ACI denominato "Copernico Base".

Di conseguenza, l'Ufficio Provinciale MCTC dovrà utilizzare, per l'aggiornamento dell'archivio PRA, unicamente l'applicativo STC (dominio MCTC).

In relazione alla seconda tipologia di tematiche, e cioè alle ulteriori indicazioni di natura organizzativa, si provvede a rendere edotti tutti gli Uffici in ordine alle modalità gestionali da seguire in particolari circostanze critiche o casistiche già emerse nel corso delle prime giornate di funzionamento "a regime" delle procedure di STC.

Nel ringraziare per la consueta, preziosa collaborazione, si rimane a disposizione per eventuali chiarimenti di tipo generale che potranno essere richiesti al dr. Andrea Giulio Cappelli, funzionario di riferimento di questa Unità di Gestione Servizi P.R.A.; per quanto concerne, invece, chiarimenti su tematiche di natura normativa, si prega di voler fare riferimento alla dr.ssa Isabella Bonitatibus, funzionano dell'Ufficio Normativa e Contratti della Direzione Centrale Servizi Delegati, entrambi contattabili ai consueti numeri telefonici diretti

Con i migliori saluti.

IL DIRIGENTE (Giorgio Brandi)

 

All. .A

FORMALITA' ACI CHE L'UFFICIO PROVINCIALE DELLA MCTC NON HA POTUTO LAVORARE

Qualora il PRA riceva ai propri sportelli una formalità ACI non lavorata dall'Ufficio della MCTC ma provvista di bollettino postale evidenziante i il pagamento della formalità a favore del conto corrente postale n° 25202003, la ricevuta di suddetto bollettino va considerata equivalente a denaro contante.

Pertanto il PRA, ricevuta la formalità agli sportelli, dovrà:

- accettarla in cassa mediante le procedure di STA. Copernico, digitare l'incasso pari all'importo risultante dalla ricevuta del bollettino postale e procedere alle successive fasi di acquisizione, delibazione e rilascio del CdP; a seguito dell'accettazione della formalità, quest'ultima risulterà tra gli incassi giornalieri di CASSA FORMALITA' SPORTELLO del MOD.121RG, ripartita nelle diverse voci di Entrata (IPT, emolumenti, bollo).

- poiché a fronte dell'acquisizione in entrata della formalità il PRA non dispone dell'effettivo incasso in contanti, il medesimo importo, risultante dal bollettino, dovrà essere registrato in Uscita dal Mod.121 RG con segno negativo nella CASSA SPORTELLO e segno positivo nella colonna RIMESSE ALL'ISTITUTO CASSIERE, mediante il codice contabile 05. A fronte di tale registrazione, il Cassiere Principale dovrà allegare al Mod.12l RG copia della ricevuta del bollettino postale.

La suddetta procedura vale sia per le formalità di competenza dello stesso PRA che riceve i bollettini (caso in cui risulteranno acquisite sul RP e sul 121 ripartite nel1e diverse voci di cassa formalità), sia per le formalità fuori competenza che, seguendo le presenti istruzioni, saranno riportate sul Mod.121 in entrata in cassa sportello (col.l) e contestualmente nella colonna "INCASSI PER ALTRI PRA". In entrambi i casi il Cassiere Principale deve registrare la rimessa "virtuale" all'Istituto Cassiere pari all'importo del bollettino, senza effettuare alcun versamento.

IN NESSUN CASO IL PRA DEVE RICHIEDERE ALL 'UTENTE DI RIPAGARE GLI IMPORTI (purché il pagamento effettuato a favore del conto corrente postale sia stato eseguito per l'importo dovuto; in caso contrario vanno seguite le consuete procedure applicate per il pagamento insufficiente).

La procedura sopra descritta, del resto, è identica a quella già in uso per la gestione delle RADIAZIONI PER ESPORTAZIONE in cui in allegato alla formalità, pervenuta dall'utente residente all'estero che richiede la radiazione viene presentata la ricevuta di bonifico già effettuato a favore dell'Ente sul conto di Tesoreria Centrale.

GESTIONE DI SOMME INCASSATE A FRONTE DI RP ANNULLATI O O NON ASSEGNATI

Nel caso di RP non assegnati, relativi a formalità effettuate tramite lo ST:A Cooperante presso il PRA, la procedura da seguire è esclusivamente quella di seguito descritta:

poichè entrambe le formalità (PRA e DTT) non sono andate a buon fine, le somme incassate dal PRA devono essere restituite all'utente; tale restituzione deve avvenire per mezzo di una rimessa dal Cassiere Principale al Funzionario Delegato.

Le registrazioni contabili sul Mod.121RG devono essere le seguenti:

una scrittura in uscita dal Mod.121RG come rimessa al Funzionario Delegato, sia che l'importo da restituire compaia oppure no tra le eccedenze e purchè, simulando una chiusura, il sistema non evidenzi la presenza di squadrature contabili.

Se l'importo relativo alla formalità DTT da restituire non compare tra le eccedenze ma risulta registrato in automatico sul Mod.121 (col.10 e col.l2), il Cassiere Principale deve postillare manualmente il mod. 71 RG della giornata aumentando le eccedenze riportate su tale modello dell'importo pari alle somme incassate per le formalità non andate a buon fine (pratica DTT e formalità PRA con RP non assegnato) più le spese postali registrate in automatico in col. 10. La postilla sul mod. 71 RG va sottoscritta dal Cassiere Principale e dal Conservatore/Dirigente del PRA.

A seguito della postilla sul mod. 71 RG, il Cassiere Principale deve chiedere a questo Ufficio di rettificare il rendiconto spostando le somme relative alla pratica DTT dalle col. 10 (per le spese postali DTT) e 12 (per le somme di competenza della motorizzazione) del mod. 121 RG alla colonna 13 (Eccedenze).

Il Cassiere Principale deve erogare la somma di denaro in eccesso al Funzionario Delegato, registrando l'uscita sul mod. 121RG RG nel modo consueto ed il Funzionano Delegato deve provvedere a rimborsarla all'utente tramite la consueta bolletta Mod.72RG, da registrare in uscita nella contabilità del Funzionario Delegato.

Sulla bolletta di rimborso va specificato che quest'ultimo é avvenuto a seguito di RP non assegnato relativamente a formalità non andata a buon fine lavorata per mezzo dello STA Cooperante del PRA.

Qualora l'utente unitamente alla formalità DTT abbia presentato un bollettino già pagato, il PRA provvederà a rimborsare solo la somma relativa alla formalità PRA secondo le modalità sopra indicate, così come il Cassiere Principale dovrà postillare il Mod. 71 RG limitatamente alla formalità PRA con RP non assegnato.

E' importante ricordare che qualsiasi formalità non andata a buon fine per mezzo della procedura STA Cooperante, PUO' ESSERE COMUNQUE RIPRESENTATA ED ACCETTATA PER MEZZO DELLE PROCEDURE STA COPERNICO PRESSO IL PRA.

 

STC: FUNZIONALITA' AGGIUNTIVE PER GLI UFFICI

PROVINCIALI PRA - CLIENT PRA - "RIACQUISIZIOiVE DA SISTEMA IN CASO DI ANNULLAMENTO".

Lo STA del PRA - come qualsiasi STA esterno - può annullare, in giornata, una formalità di STC che ha già concluso l'iter lavorativo (telematico).

Se la formalità è fuori competenza lo STA PRA non ha utilità aggiuntive:

La formalità risulterà annullata sia al SIC che al PRA di competenza.

Se la formalità è di competenza dell'Ufficio Provinciale che ha lavorato la formalità e la si annulla, lo STA PRA ha una funzionalità aggiuntiva tesa ad evitare la ridigitazione dei dati della formalità stessa.

Descriviamo la funzionalità facendo un esempio.

Viene presentata allo STA PRA una formalità di trasferimento di provincia, da trattarsi con le applicazioni di STC.

La si acquisisce tramite STC.

La formalità ha esito positivo.

La si convalida.

Si stampano i documenti (CdP e aggiornamento CdC).

 

Problema: CI SI ACCORGE CHE IL NOME DELL'ACQUIRENTE È ERRATO. La formalità dovrebbe essere corretta ma ciò non è possibile in quanto l'iter d'esame della formalità telematica è già terminato.

La si può annullare visto che siamo in giornata. Come fare?

Chi ha lavorato la formalità dovrà effettuare i seguenti passi operativi:

l. Andare sulla "lista pratiche";

2. Ricercare la formalità tramite il Prot. Agenzia (che corrisponde al protocollo assegnato in cassa ST);

3. "Fleggare" su tale formalità il quadratino corrispondente della colonna "ANNULLA ";

4. Cliccare su "Invia".

Da questa operazione (e visto che la formalità è di propria competenza) si avrà una nuova situazione al SIC, al PRA ed in MCTC.

AL SIC, successivamente a tale operazione, su "Lista pratiche" (per lo stesso utente) si troverà:

la formalità "annullata" al SIC (ovviamente lato ACI e lato MCTC);

più sotto (le formalità vengono visualizzate in ordine di protocollo agenzia) una nuova formalità individuata da:

un protocollo agenzia che inizierà con il numero 8;

un nuovo "protocollo SIC";

la stessa targa;

lo stato "Acquisita".

NB. Si ricorda che lo stato "Acquisita" al SIC rappresenta una formalità presente al SIC ma ancora da inviare in presentazione

Al PRA - la formalità dalla situazione di "convalidata" (infatti, avevamo dello che erano stati stampai i documenti) PASSA ALLA SITUAZIONE DI "ACQUISITA" (infatti se si controlla in FU00 di ASPRA si avrà tale formalità come telematica e stato acquisita).

In MCTC la formalità risulterà "annullata".

L'operatore a questo punto può - e deve – correggere il nominativo errato.

Per farlo deve:

1. attraverso la maschera di "Lista pratiche" del suo computer di STC prendere in "MODIFICA" la formalità "acquisita al SIC" (quella con il protocollo agenzia che inizia con il numero 8 corrispondente alla formalità annullata);

2. correggere il dato errato;

3. inviare in presentazione la formalità così modificata.

Cosa accade?

La formalità così inviata al SIC verrà elaborata ed inviata al PRA

il sistema di elaborazione locale riconoscerà la situazione trovando la corrispondente formalità nello stato "acquisita" negli archivi locali;

Verranno modificati i dati che l'operatore ha corretto tramite la funzione di "MODIFICA";

Verrà terminato l'iter di delibazione automatica. (se esente da errori, con esito positivo).

E' DA NOTARE CHE LA FORMALITA' MANTERRA' AL PRA LO STESSO N° DI RP. IN QUANTO STAMPATO SULL'ELENCO DI RICHIESTA (MODELLO NP-6ST)

Cosa rimane da fare?

Si dovrà convalidare la formalità così ottenuta e stampare i documenti che a questo punto conterranno i dati desiderati.

Con questo esempio abbiamo descritto sia la nuova funzionalità che, si ribadisce, vale soltanto per gli STA dei PRA, che l'operatività da seguire.

Si sottolinea, infatti, che una volta operato l’annullamento di una formalità di competenza della stessa provincia non si deve riacquisire la formalità stessa ma si deve modificare e reinviare in presentazione la formalità generata al SIC dall'annullamento stesso.

ATTENZIONE!

Se la formalità è una prima iscrizione o un rinnovo bisognerà annotare proprio il nuovo protocollo agenzia (che inizia per 8), e il nuovo protocollo ACI SIC per riconoscere la formalità, "acquisita" e generata dall'annullamento, ai fini di una sua successiva correzione/lavorazione.

Infatti se si riprende in lavorazione tale formalità dopo la nuova presentazione, avrà una nuova targa dalla MCTC, diversa dalla precedente.