interstazioni_circ.gif (2901 byte)

DA FONTE ACI
Circolare prot. n. 328767 del 03/02/1996 - Iscrizione di veicolo già radiato d'ufficio - Autoveicoli con CDP sottoposti a leasing - Trascrizione ex art. 2688 cod. civ. con atto non trascritto
.


ACI
AUTOMOBILE CLUB D'ITALIA

DIREZIONE CENTRALE PUBBLICO REGISTRO AUTOMOBILISTICO

Roma, 3 febbraio 1996
Prot. n. 328767

OGGETTO:
1) Iscrizione di veicolo già radiato d'ufficio.
2) Autoveicoli con CDP sottoposti a leasing: trasferimenti di proprietà, variazioni del contratto.
3) Trascrizione ex art. 2688 cod. civ. con atto non trascritto redatto sul certificato di proprietà presentato.

Si avverte la necessità di assumere determinazioni uniformi in relazione ad alcune problematiche che più frequentemente generano difficoltà operative presso gli Uffici del P.R.A.

Si elencano di seguito le argomentazioni in questione.

1) Iscrizione di veicolo già radiato d'ufficio.

A modifica ed integrazione di quanto disposto con lettera circolare n. 376894 del 13.7.1989, si ritiene che per ottenere l'iscrizione di un veicolo radiato d'ufficio al nome del medesimo soggetto, già intestatario al P.R.A., configurandosi comunque nella fattispecie una formalità di iscrizione, sia indispensabile presentare, oltre alla usuale documentazione, un titolo, che può essere costituito da una dichiarazione di proprietà, analogamente a quanto disposto per i veicoli provenienti dall'estero qualora già intestati al medesimo soggetto.

Per tale formalità saranno corrisposti gli emolumenti previsti in tariffa per le prime iscrizioni nonché le imposte IET ed APIET.

Resta inteso che dovrà essere prodotto il titolo traslativo qualora l'iscrizione venga richiesta a beneficio di soggetto diverso dal precedente intestatario al P.R.A.

2) Autoveicoli sottoposti a leasing: trasferimenti di proprietà, variazioni del contratto.

In caso vi sia richiesta di trascrizione di un atto di vendita ed esista un vincolo derivante da contratto di leasing già annotato nel P.R.A., tale vincolo permane a carico del nuovo intestatario proprietario.

Qualora la vendita del veicolo sia effettuata a soggetto diverso dall'utilizzatore in leasing, al fine di garantire la correttezza dei dati d'archivio, è necessario provvedere d'ufficio alla nuova acquisizione - come soggetto a favore - dei dati del locatario, nonché della data di scadenza della locazione.

Ciò in quanto la fattispecie della locazione viene gestita dalle procedure automatizzate a livello di soggetto aggiuntivo e non di "situazione".

Si prega al riguardo di porre la massima attenzione alla corretta riacquisizione dei dati di cui trattasi.

Pertanto sul certificato di proprietà emesso risulteranno il nuovo proprietario ed il soggetto leasing già registrato.

Quest'ultimo, ovviamente, non comparirà quando il veicolo sia stato oggetto di riscatto.

Qualora si voglia cedere, prorogare o cancellare il contratto di leasing è necessario presentare apposita richiesta, corredata da una dichiarazione resa dal soggetto intestatario al P.R.A. (formalità cod. 87).

La dichiarazione in questione deve essere redatta su carta bollata in unico esemplare contenente le indicazioni relative all'identificazione del veicolo, alle parti ed alla scadenza del contratto di utilizzazione.

La sottoscrizione della dichiarazione deve essere autenticata nelle forme amministrative, previste dall'art. 20 della legge 4.1.1968, n. 15.

In alternativa, la modifica del contratto leasing può operarsi, sulla base della carta di circolazione su cui risulti la variazione anche del contratto.

3) Trascrizione ex art. 2688 cod. civ. con atto non trascritto redatto sul certificato di proprietà presentato.

Potrà trovare accoglimento al P.R.A. la trascrizione richiesta ai sensi e per gli effetti dell'art. 2688 cod. civ. sulla base di un atto di vendita bilaterale reso, in duplice esemplare, nella forma della scrittura privata autenticata anche quando il certificato di proprietà contenga la vendita intermedia non pubblicizzata; venga cioè utilizzato unicamente come documentazione indispensabile al seguito della richiesta.

Della formalità eseguita e dell'omessa richiesta di trascrizione intermedia gli Uffici del P.R.A. dovranno dare comunicazione alla Direzione Regionale delle Entrate ai fini di eventuali rilievi fiscali in relazione alla trascrizione omessa.

omissis

DIREZIONE CENTRALE
PUBBLICO REGISTRO AUTOMOBILISTICO
IL DIRIGENTE
dr. Marcello Sanguinetti

DIREZIONE CENTRALE
SISTEMI INFORMATIVI
IL DIRIGENTE
dr. Fabio Califano