Alla presenza del Vice Ministro Tassone (con delega alla Motorizzazione Civile) l’Unasca ha organizzato questo convegno nazionale dal sapore prettamente “politico”. E’ il primo comunque di tale spessore da quando è iniziata l’attuale legislatura e l’attività del nuovo Governo.

    Un Convegno di grande spessore per gli argomenti che saranno oggetto di discussione e per il momento che si sta attraversando.

    Codice della Strada, lo sportello telematico dell’automobilista, ipotesi di riorganizzazione dei servizi automobilistici con il trasferimento all’Aci di compiti attualmente svolti dalla Motorizzazione Civile rappresentano temi non solo all’ordine del giorno ma argomenti sui quali le categorie da noi rappresentate dopo anni e anni di duro lavoro, sacrifici, investimenti, esperienze e professionalità riconosciute dai fatti debbano trovare il giusto riconoscimento in ottica di sviluppi futuri.

    E’ giunto il momento delle risposte, dei fatti, di concrete iniziative che tutelino la dignità delle autoscuole e degli studi di consulenza automobilistica nel rispetto di ruoli e competenza con la P.A.

    E’ ora ormai di investire su queste migliaia di imprese private pronte a garantire Utenti e P.A. sotto ogni profilo.

    Il Convegno di Catanzaro è il primo atto della nuova avventura che iniziata nel maggio di quest’anno con l’inizio della XIV legislatura.

    Siamo certi di una forte presenza, in particolare dai territori del meridione (Calabria, Sicilia, Campania, Puglia e Basilicata) sempre attenti, partecipi e, purtroppo, più sensibili a problemi legati allo sviluppo economico, in prospettiva futura. E’ importante esserci, ci contiamo.

F.to Il PresidenteF.to Il Segretario Nazionale AutoscuoleF.to Il Segretario Nazionale Studi
Vincenzo CannatellaGiorgio RestaOttorino Pignoloni